Investigazioni pre-assunzione: perché richiederle
lunedì, 06 marzo 2017 / Published in News

Le investigazioni pre-assunzione sono un servizio sempre più importante per le aziende. L’attuale situazione del marcato, caratterizzata da elevata disoccupazione e risorse limitate per le imprese, rende infatti la selezione dei collaboratori un momento estremamente delicato.Scegliere i profili migliori per ricoprire qualsiasi incarico significa risparmiare tempo e denaro. 

La maggior parte delle assunzioni avviene considerando i titoli e le esperienze riportate nel curriculum vitae, un documento facile da falsificare e arricchire con informazioni fittizie o incomplete. Verificare scrupolosamente quanto riportato dai candidati è spesso impossibile per le aziende, che trovano nelle investigazioni pre-assunzione uno strumento prezioso per valorizzare ogni scelta.Il supporto di un investigatore privato può infatti garantire all’azienda l’inserimento in organico dei collaboratori più adatti a ricoprire ogni ruolo, evitando sorprese sgradevoli e incidenti futuri.

A COSA SERVONO LE INVESTIGAZIONI PRE-ASSUNZIONE

Le investigazioni pre-assunzione vengono richieste dai datori di lavoro per valutare l’affidabilità e le competenze dei candidati prima di procedere all’assunzione. Spesso si contatta un investigatore per chiarire i dubbi legati a un determinato profilo. In molti casi tuttavia, il contributo del detective diventa una prassi all’interno dei processi di selezione del personale, tutelando l’impresa nel lungo periodo e contribuendo alla sua stabilità.

Vediamo nel dettaglio le verifiche più comuni effettuate attraverso le investigazioni pre-assunzione:

  • accertamento delle informazioni anagrafiche fornite;
  • controllo della veridicità dei titoli accademici;
  • verifica sulle reali retribuzioni precedenti e sui motivi che hanno causato la cessazione dei rapporti di lavoro;
  • check sulle referenze inserite nel curriculum e sulle esperienze dichiarate;
  • verifiche su eventuali controversie con i vecchi datori di lavoro.

Collaborare con un investigatore privato permette ovviamente di personalizzare i servizi, e di approfondire qualsiasi aspetto attraverso indagini dedicate e su misura. Rapide, sicure e affidabili, le investigazioni pre-assunzione rappresentano un vero e proprio investimento per qualsiasi attività, indipendentemente dal settore in cui si opera e dalle dimensioni aziendali.

ASSENTEISMO SUL LAVORO E LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA
martedì, 13 dicembre 2016 / Published in News

Quando si parla di assenteismo sul lavoro si fa di solito riferimento al settore pubblico. Il fenomeno è invece estremamente comune anche nel privato, e mette a rischio la sopravvivenza di migliaia di aziende.Poter contare su dipendenti affidabili, capaci di svolgere con professionalità e onestà le proprie mansioni, è una risorsa insostituibile per le imprese. Molto spesso però, le giuste tutele garantite dal nostro ordinamento sono aggirate da impiegati furbetti, mettendo a repentaglio anche i rapporti tra colleghi e l’equa distribuzione dei carichi lavorativi.

Vediamo insieme le situazioni più comuni legate all’assenteismo sul lavoro:

• Simulazione di malattia o infortunio: è il caso del lavoratore che, grazie all’appoggio di un medico connivente, finge di avere problemi di salute più o meno gravi.

• Prolungamento ingiustificato di malattia o infortunio: pur partendo da una situazione di reale disagio fisico, il periodo di assenza dal lavoro viene esteso senza ragioni. Così il lavoratore resta a casa anche quando potrebbe (e dovrebbe) tornare in azienda.

• Abuso della legge 104/92: i permessi retribuiti sono utilizzati come scusa per attività diverse dall’assistenza ai familiari in difficoltà.

ASSENTEISMO SUL LAVORO E LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA

Di fronte al sospetto di assenteismo sul lavoro sono sempre di più le aziende che si rivolgono a detective privati. Le indagini per accertare comportamenti scorretti dei propri impiegati sono infatti lo strumento più efficace per ottenere prove affidabili e procedere al licenziamento per giusta causa. Questo perché un professionista conosce tutte le tecniche per stanare i raggiri. Il lavoro parte da un’investigazione preliminare sul dipendente, per poi passare a sopralluoghi e pedinamenti. Si raccolgono così video e fotografie a supporto di eventuali azioni legali, nel completo rispetto della legge e della privacy.Per risolvere il problema dell’assenteismo sul lavoro basta un piccolo investimento. Scegliere un’indagine dedicata significa liberarsi delle zavorre e risparmiare, tutelando sia il benessere dell’azienda che la propria posizione.

martedì, 06 dicembre 2016 / Published in News

I furti in azienda sono estremamente diffusi, e riguardano attività di ogni settore e dimensione. L’appropriazione indebita di beni e dati sensibili è infatti un argomento complesso, e nessuna impresa può dirsi al sicuro. La gravità del fenomeno è legata anche al fatto che le violazioni sono spesso commesse dai dipendenti stessi, rendendo difficile quantificare l’entità delle perdite e denunciare i responsabili.Dai manager agli operai, dagli agenti al personale addetto alla vendita o alla gestione del magazzino, l’insidia si nasconde a ogni livello, mettendo a repentaglio sia il fatturato che il know-how dell’impresa. Ecco alcuni dei furti in azienda più comuni:

  • Commesse pilotate
  • Sottrazione di beni (denaro, apparecchiature, carburante, alimenti, ma anche materie prime, come il rame)
  • Furto di informazioni riservate (dai contatti dei clienti ai brevetti)
  • Alterazione dei dati relativi a inventari e magazzino.

FURTI IN AZIENDA E LICENZIAMENTI PER GIUSTA CAUSA

Individuare i lavoratori colpevoli di appropriazioni indebite e condotte scorrette è il primo passo per risolvere il problema. Il furto in azienda è infatti tra i motivi che possono portare al licenziamento per giusta causa del dipendente. La difficoltà maggiore riguarda però la raccolta delle prove. Il sospetto, anche quando è fondato, non basta. La sorveglianza fai da te rischia inoltre di aggravare la propria situazione, producendo un vero e proprio effetto boomerang. Questo perché le norme a tutela della privacy consentono il controllo del personale solo a determinate condizioni.

La soluzione più efficace è quindi quella di affidarsi a un investigatore privato. Un professionista conosce le modalità più sicure per svolgere le indagini rispettando la legge. In questo modo, oltre ad accertare ogni violazione, il datore di lavoro potrà contare su prove inconfutabili e ammissibili in tribunale per perseguire i responsabili dei furti in azienda e procedere subito al licenziamento.

Classifiche delle frodi in Azienda