INVESTIGAZIONI SU FINTA MALATTIA E LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA
venerdì, 07 aprile 2017 / Published in News

In base alla sentenza della Corte di Cassazione n° 25162 del 26 novembre 2014 è da considerarsi legittimo il licenziamento per giusta causa del dipendente che sfrutta in maniera illecita i permessi per malattia. La Corte ha inoltre stabilito che il datore di lavoro può avvalersi di un investigatore privato per verificare la veridicità del certificato medico presentato, e per monitorare lo stile di vita del lavoratore assente per motivi di salute. Nel caso in oggetto, il dipendente non si è recato a lungo in azienda per una presunta lombosciatalgia. Grazie a un’indagine su misura,il datore di lavoro è riuscito però a dimostrare che la patologia denunciata non era grave al punto da precludere la presenza dell’impiegato in ufficio. La scoperta del fatto ha determinato la caduta del rapporto di fiducia, consentendo al titolare dell’azienda di procedere al licenziamento per giusta causa.

SICUREZZA ED EFFICACIA DELLE INDAGINI AZIENDALI

Il ricorso a un investigatore privato è il modo più sicuro e veloce per appurare la presenza del dolo, e produrre le prove necessarie al licenziamento per finta malattia. Per monitorare i comportamenti del dipendente, effettuando riprese e fotografie probatorie, è infatti necessario rispettare le disposizioni di legge in materia di tutela della privacy. Un’indagine fai da te rappresenta un rischio concreto per il titolare dell’azienda, che potrebbe ritrovarsi accusato di violare il diritto alla riservatezza dei suoi impiegati.

Le investigazioni per assenteismo nascono per tutelare i datori di lavoro e la redditività dell’azienda. Attraverso un accurato dossier, realizzato in base alle esigenze del committente, un detective professionista è in grado di dimostrare qualsiasi tipo di abuso. DT Investigazioni si occupa di indagini aziendali a Milano e in tutta la Lombardia. Fissa un appuntamento per conoscere meglio i nostri servizi a supporto delle imprese.

Hai bisogno di una consulenza veloce e Gratuita  ?
Contattaci

 

La videosorveglianza dei dipendenti contro i furti in azienda
mercoledì, 01 marzo 2017 / Published in News

La videosorveglianza dei dipendenti è uno degli strumenti più efficaci per proteggersi dai furti in azienda e altri illeciti. Il tema del controllo sul luogo di lavoro è spesso oggetto di dibattito, soprattutto per questioni legate alla riservatezza e al diritto alla privacy.

Una sentenza della Corte di Cassazione di Milano ha sancito che la videosorveglianza dei dipendenti effettuata da un investigatore privato è legittima, anche se la telecamera è nascosta. Non solo, le prove prodotte da un’indagine professionale sono valide in tribunale, e possono determinare il licenziamento del lavoratore trovato a rubare. Novità interessanti sulla questione sono state introdotte anche dal Jobs Act, che amplia le possibilità di utilizzo dei sistemi di videocontrollo. Prima delle ultime modifiche gli impianti di videosorveglianza erano infatti concessi solo per esigenze organizzative, produttive e di sicurezza. Grazie alle ultime disposizioni il datore di lavoro può invece usare strumenti di controllo a distanza anche per proteggere il patrimonio dell’attività, e dunque per difendersi dai furti in azienda.

AFFIDARE A UN INVESTIGATORE PRIVATO LA VIDEOSORVEGLIANZA DIPENDENTI

La videosorveglianza dei dipendenti, per essere pienamente legale, deve comunque rispettare alcuni criteri. Riprendere abusivamente i lavoratori, anche se trovati in flagranza di reato, può non essere sufficiente. Il ricorso a un investigatore privato è la soluzione più rapida a tutela del datore di lavoro. L’esperienza di un team specializzato, e la vasta conoscenza della normativa in materia di privacy, raccolta e protezione dei dati personali, certificano la validità di ogni indagine.

Un investigatore privato esperto garantisce la legalità delle azioni di controllo. In questo modo, oltre a individuare i responsabili dei furti in azienda, sarà possibile ottenere prove certe per sanzionarli. Attraverso le attività di monitoraggio l’investigazione fornirà al datore di lavoro riprese video e audio sicure al 100%,da utilizzare in tribunale per ottenere il licenziamento per giusta causa del dipendente.